60 anni fa, Olivetti presentò Elea 9003, una rivoluzione nel mondo dell’Informatica

elea-9003
By Kaleyra . 16 mag 2019

Il 2019 è un anno importante per il mondo dell’informatica italiana; 60 anni fa, uno dei primi computer commerciali al mondo fu presentato alla Fiera di Milano da Olivetti: Elea 9003 (sta per Elaboratore Elettronico Aritmetico). Le brillanti menti che hanno contribuito a questo evento sono state: Adriano Olivetti e Mario Tchou (Ingegnere, pioniere dell'informatica e sviluppatore presso Olivetti).

Elea 9003, rappresentò una delle più importanti rivoluzioni nel mondo della tecnologia informatica che cambiò le nostre vite per sempre. Dal punto di vista tecnico, la macchina era dotata di funzionalità multitasking, essendo in grado di gestire tre programmi contemporaneamente. Dopo la presentazione di Elea 9003, la tecnologia informatica ha iniziato la sua rivoluzione.

 

60 ° anniversario di Elea 9003

Per il 60 ° anniversario della presentazione di Elea 9003, alla Fiera di Milano, ad aprile, c'è stato un evento per ricordare questo importante traguardo della storia dell'informatica italiana.

Durante l'evento sono stati presentati un romanzo grafico, un'animazione e si è tenuto un incontro con alcune delle principali personalità di quella grande avventura tecnologica.

I partecipanti erano: Ciaj Rocchi e Matteo Demonte, il professor Franco Filippazzi - al quale dobbiamo il primo brevetto del laboratorio Olivetti e membro onorario di Aica (Associazione italiana per l'informatica e il calcolo automatico), il professor Renato Betti, professore di geometria presso il Il Politecnico di Milano, altri ospiti straordinari come l'Ing. Giuseppe Calogero (padre di Dario Calogero, CEO di Kaleyra), l'Ingegnere Simone Fubini (Consigliere di Kaleyra), l'Ingegnere Capocaccia e Domenico Maletti, Presidente della società Honeywell e l'italo-cinese attore Shi Yang Shi. L'incontro è stato moderato da Antonio Dini, giornalista, esperto nel campo della tecnologia.

 

Cosa è successo dopo l'ELEA 9003?

 

La Perrottina di Olivetti

Il «Programma 101», di Olivetti, detto anche «Perottina» (dal nome dell'ingegnere Pier Giorgio Perotto, responsabile del team di progettazione), è il primo "personal computer" o come era definito un computer desktop all'epoca da giornali e riviste in quanto aveva le caratteristiche principali degli eccellenti computer di quel tempo.

Questo processore anticipava i tempi per varie caratteristiche: struttura fisica monolitica, unità di elaborazione incorporata, memoria dinamica interna (la RAM non esisteva allora, ed era una linea di ritardo con memoria non restrittiva - in quel momento generalmente usata su lettori di schede perforate ), ingressi e uscite incorporati nella stessa scatola, tastiera alfanumerica, stampante e periferica per la gestione di carte magnetiche a doppia banda, prese in prestito da un lettore / scrittore di carte magnetiche Olivetti che sono state utilizzate al posto di un lettore / perforatore di schede (da dove sono state prodotte le unità disco floppy e gli hard disk idea di base).

 

Il Primo desktop computer

Dopo il primo tentativo  da parte della società DEC (Digital Equipment Corporation) di creare un processore programmabile , il PDP-1 (Programmed Data Processor-1), che era tecnicamente ben fatto ma era troppo presto per essere apprezzato, nel 1964, il DEC ha puntato a creare un computer che potesse essere utilizzato da piccoli gruppi o da singoli individui. Sfruttò la rapida evoluzione dei componenti elettronici e di archiviazione e lanciò il primo PDP-8 sul mercato nell'aprile 1965.

Incredibilmente piccolo e leggero, ha iniziato a fare la sua comparsa in decine di laboratori e persino nelle scuole. Era l'antenato della famiglia dei cosiddetti "minicomputer".

Il PDP-8 ha scatenato la sempre più piccola e potente corsa al computer fino a quando, a metà degli anni settanta, il DEC e i suoi concorrenti iniziassero a penetrare il dominio fino ad allora indiscusso di IBM: Mainframes.

 

...nel frattempo in Europa

L'Europa non è stata a guardare: dalla metà degli anni '60 la società pubblica Selenia del gruppo STET ha progettato e prodotto la Selenia GP-16, uno dei primi (se non il primo) microcomputer europeo di terza generazione. Progettato principalmente per usi industriali, ha trovato applicazione nelle torri di controllo aeroportuali e nella nuova centralina telefonica elettromeccanica italiana.

 

Il personal computer italiano

Nel 1975 a Torino, fu realizzato il primo microcomputer con tutte le normali funzioni dei personal computer (messo in commercio due anni dopo). Il nome era MD 800 ed è stato creato da due giovani ingegneri di CSELT che hanno fondato l'azienda nel 1977 DMD per produrre questi personal computer.

 

L'innovazione firmata Olivetti

Dopo il "Programma 101" Olivetti, sempre negli anni settanta, nei laboratori Olivetti Research & Development di Ivrea, giovani ingegneri e laureati lavoravano all'innovazione: nell'aprile del 1975 alla fiera di Hannover, fu presentata la P6060. Questo è il primo personal computer al mondo venduto come un sistema pre-assemblato funzionante (ad esempio, con un lettore di floppy disk integrato, per la prima volta nel mondo).

 

La nascita di Microsoft

Successivamente, i MITS (Micro Instrumental and Telemetry Systems) svilupparono un linguaggio di programmazione ufficiale ispirato al BASIC di DEC per il PDP-11 (l'evoluzione del PDP-8). Due giovani di Boston crearono l'Altair Basic. Uno di loro, Paul Allen, era un programmatore, mentre uno dei suoi compagni di classe, Bill Gates, era uno studente ad Harvard. Terminato il prodotto, Allen lasciò il lavoro, e insieme a Gates fondò una piccola azienda, Microsoft, per commercializzare BASIC.

 

Apple: la nuova era di Personal Computer

Nel 1977 nasce l'Apple II, un modello rivoluzionario di home computer e allo stesso tempo antenato per il quale è stata utilizzata l'espressione "personal computer" e il primo modello di successo di questa categoria di  prodotti su scala industriale. Nel 1976, Steve Jobs e Steve Wozniak avevano già costruito l'Apple I nel loro garage, un computer che poteva essere attraente solo per un pubblico di appassionati di elettronica.

Jobs voleva rendere accessibile la tecnologia informatica a tutti, rielaborando il progetto Apple I e inserendo tutta l'elettronica in una scatola di plastica completa di tastiera, diede forma al personal computer che ancora oggi utilizziamo.

Il resto della storia è il nostro presente.

 

Dov'è oggi l'ELEA 9003?

L'ELEA 9003 è stato donato al Monte dei Paschi di Siena negli anni '70, e in breve tempo Mario Babbini, che è ancora responsabile della macchina, lo ha portato nel loro nuovo ufficio.

Oggi è custodito e gestito dall'Istituto Tecnico "Enrico Fermi" e dal MIB - Museo Informatico Bibbienese dove Mario, può mostrarlo, a persone appassionate di tecnologia informatica.

Qui puoi trovare la galleria dell'evento: http://www.chinamen.it/2019/04/20/chinamen-chronicles/

Se desideri vivere i momenti emozionanti che abbiamo avuto durante la celebrazione del 60 ° anniversario, guarda l'intero evento qui: https://www.youtube.com/watch?v=7JmEemSBk7o&feature=youtu.be